Gomiti non uniti

Ho gia' pubblicato la tecnica per unire i gomiti, come mi era stata fornita da hog-tied, poi ho scoperto che avevo anche io il giornale dal quale era stata tratta (Bondage Life n. 46 della Harmony Concepts), dove e' descritta anche la tecnica da utilizzare se il partner non e' particolarmente flessibile e non puo' sopportare i gomiti uniti.

Con il metodo che vi illustrero' di seguito potrete ottenere lo stesso effetto, senza costringere il partner in una posizione che alla lunga (o peggio, brevemente) puo' diventare fastidiosa e costringervi a sospendere il gioco.

Noterete che in questa sequenza la modella (Darla Crane) ha gia' i polsi legati, ma questo non e' obbligatorio, potete legare i gomiti e poi i polsi, come preferite.

Per iniziare, avete bisogno di una corda di circa 4 metri, piegatela a meta' in maniera tale che le due estremita' siano vicine.

 

Avvolgetela intorno alla braccia, dove c'e' il muscolo nella parte superiore del gomito, fate passare le estremita' nel cappio al centro della corda e tirate fino a quando il partner non vi dira' di smettere
Fate un'altro giro con la corda (cosi' che intorno alle baccia ci siano complessivamente 4 giri di corda e fate passare i capi all'interno del cappio originale
Iniziate ad avvolgere la corda, sempre doppia, intorno ad entrambe le corde intorno alle braccia, cosi' da unirle e da impedire che possano cadere.

Arrivate fino all'altro gomito

Quando arriverete dall'altra parte, vi dovrebbe essere rimasta poca corda, giusta quelle che vi serve per separare i due capi e legarli tra di loro con un normale nodo semplice (le mani non ci arriveranno mai finche' i polsi saranno legati)

 

 

Fatto, otterreto lo stesso effetto dei gomiti uniti, immobilita' e petto che sporge in fuori.


Torna alle Tecniche  - Torna agli Aggiornamenti